In Risposta al Femminismo Come Parola

Nan-in, un maestro giapponese dell'era Meiji (1868-1912), ricevette la visita di un professore universitario che era andato da lui per interrogarlo sullo Zen. Nan-in servì il tè. Colmò la tazza del suo ospite, e poi continuò a versare. Il professore guardò traboccare il tè, poi non riuscì più a contenersi. «È ricolma. Non ce n'entra più!». «Come questa tazza,» disse Nan-in «tu sei ricolmo delle tue opinioni e congetture. Come posso spiegarti lo Zen, se prima non vuoti la tua tazza?»

Chi pone una domanda individua un maestro in colui che deve rispondere. Se poni una domanda, pensa prima se vuoi ricevere una risposta, piuttosto che imporre ciò che già credi di sapere.

The End

0 comments about this work Feed