Invettiva e Programma Evolutivo

Estirpare un dannoso bisogno significa emancipare luminosi campi di libertà. Per quanti anni non ne proverete uno. Per quante stagioni inseguirete intermittenze e vagheggiamenti. Al di fuori delle vostre etichettature, lontano dai conati sociali di distillazione di un senso dall'insensatezza, intaglio profili di bellezza che mi bastano e mi avanzano. I vostri leader indiani, le vostre donne simbolo, le vostre inutili esperienze, le vostre frasi fatte, i vostri pensieri già pensati, le vostre caramelle intellettuali premasticate, le vostre filosofie tridimensionali, sono tutti tasselli di un univoco mosaico che è la globalizzazione organizzata della mediocrità. Da me non avrete mai niente di tutto questo. Avrete sempre l'esatto opposto. Avrete membra distese senza bisogno di ritmi etnici e strumenti tradizionali giapponesi, avrete estasi senza luoghi comuni, ebbrezza senza vino, concetto compreso senza spiegazione, sguardo e non commento, intuizione senza alcun fastidioso giro di parole o giro dell'aia.

The End

4 comments about this work Feed