I Colori dei Giochi

Giungiamo da un mondo che non ci somiglia.
Ho immaginato, immersa nel più accecante
fucsia, verde, arancio, rosso, giallo,
una città (planetoide)
dove l'esercizio sessuale non produce
esseri umani, (ergo) non genera storie
affidate al capriccio di passati remoti,
ma giocattoli inutili, cubi e sfere
fucsia, verde, arancio, rosso, giallo,
che sgusciano dal ventre per le vie naturali,
rese innaturali dalla follia
di sezioni auree, bronzee, metalliche
attive da millenni,
e accompagnati da fertile lubrificazione.
I giochi vengono lavati, collezionati,
usati, gettati, nell'arco di poco.
Giungiamo da un mondo che non ci somiglia:
d'altra parte, siamo anche noi giocattoli;
ma in bianco e nero.

The End

4 comments about this work Feed