Words Worlds

Un guizzo poetico che riassume alcune considerazioni odierne, difficilmente stivabili in altra forma.

Verdi Vasi Cinesi
mi ricordano quando mi incantavo
davanti alle poesie di Morrison
(la città verde insetto le sue microscopiche luci)
----- pubblicava il tutto una casa editrice denominata Arcana
come il brano di Edgar Varèse per grande orchestra
Arcana / da Paracelso: bizzarre idee naturali che ritrovo
nei libri anni sessanta
che riscrivevano antologizzavano quelli dell'Ottocento
con una punta di BEAT
(il pezzo, venti minuti di atmosfere di puro suono libero di essere,
mi ricorda Bernard Herrmann e le sue arpe e i suoi tintinnii).

Ora
queste mie parole
sono come piccole isolate
perle
archeologiche
che s'incuneano al posto
di mondi
che io non ricordo
che voi non conoscete
se non per pallidi riflessi. 

The End

0 comments about this poem Feed