Silloge del Multiverso

Incipit

Non sono
quello che odo.
Sono quello che ho udito:
ma, stratificato,
ad ogni modo
intagliato
nell’infinito.

A Edoardo Sanguineti

Non mi manca la Cultura (se così la chiamiamo).
Ricordo luce che trasuda chiara da una tenda, oltre il sottile muro non vedo
se non stralci di fronde color insetto, e una lamina di simil-vetro che la vista sfaccetta
sotto una coperta di cielo d’azzurro radiotelevisivo italiano inizio trasmissioni.
Tutto questo, tutto questo e mille e ancora mille altri squarci di stelle del logos, ebbene
tutto questo è la Cultura che ho.
Ma generazioni di barbari hanno coperto ogni sole col rumore dei loro corpi,
e mi trovo a parlare sul frastuono, e pure a sorridere.
Ogni parola ha un bel po’ di questa infezione di fondo,
come il nevischio dei televisori dopo il Big Bang.

La frontiera permanente
stava, permanentemente, e a mente ferma, di fronte a noi pensanti
fermamente incastonata tra sguardo e scorcio, ricordo e frammentazione.

Geometrici scivolavano i fantasmi di carta
dai frontespizi neri e blu petrolio
su scaffali
verso l’infinito
squadrato.

Collezionai pipistrelli e coleotteri.

Pensando a te, Historia,
io penso a cose tanto grandi e importanti
da potersi solo dissolvere nella parola blaterata
di qualche documentarista idiota.
Pensando a te, Historia,
sento di dover colorare le tue tele sbiadite.

Io viaggio nella Storia
cercando una sua declinazione
incline al frastuono dell’oggi.

A William Carlos Williams

Ho sognato una nuova disciplina,
migliore di qualsiasi materia: l’addormentarsi.
Ne accarezzo gigantesce accademie
su sabbiose superfici di pianeti di zolfo.
Studiate solo questo: il vostro naufragare su isole di sonno.

Alla Grande Russia Musicale

Aram: dolci iterazioni a fiato della Grande Russia.
Lullaby (da Gayane), il suo risuonare quieto. Promontori e foreste.
Chiudo con Stravinsky, labirinti flautati di legno e ferro.

A Fritz Leiber

Era la brughiera,
era l’argento
e la notte,
era il calore e la fluorescenza,
erano le gocce di nebbia verde,
lungo il profilo della città.

The End

0 comments about this poem Feed