Ricordando Scrivanie

Semplicemente, una poesia sul ricordo di vecchie scrivanie.

Su quaderni ingialliti ho scritto
di mostri accovacciati e scaffali
e altre cose da leggersi attraverso un vetro rosso.

Ricordo un televisore bombato,
e la terra cava,
e i molti ottoni del Nautilus.

Ricordo anche Matteo Guarnaccia
e un libro che Natalie Goldberg non scrisse
ma che bianco immaginavo, e taoista.

The End

0 comments about this poem Feed