Monolite

Quello che si chiede a un artista: essere monolitico.

Quello che si chiede a un artista è di essere monolitico

ho pensato, oggi, guardando il blog di Quel Grande Autore

(come ce ne sono tanti e troppi spazzolando la storia universale)

ho pensato: sì -- voglio riprendere a dipingere

a dipingere classicamente, con tavolozza, tela e colori

i colori ad olio sono perfetti per modellare amebe aliene

pascoli latranti sinfonie e piante grasse fluorescenti

quello che si chiede a un artista è di essere un blocco di granito monoideista

la gente giustamente si abbevera di ossessioni distillate

come io stesso faccio con gli artisti

anche se amo vederti uomo -- pure tu artista -- amo il tuo cercare altrove

amo il tuo guardare di lato oltre che avanti a te nel tuo scrigno di luce azzurra

e oggi scrivo linee

mi nutro di carta vecchia

mi nutro di sorrisi di piccoli essere globulari

mi nutro di matasse che formano occhi e corpi nella notte

e immagino il libro come città attraversata solo dal vento caldo

e le pagine sono angoli intravisti nel sonno

muraglie estese all'infinito

dove passeggio sotto cieli di ametista.

(Padova, 06/02/2011)

The End

0 comments about this poem Feed