La Lista Non Ha Spazi

La lista non ha spazi.

Ci si sveglia, e si riassume il sogno di oggi:

sussidiari medievali.

La lista non ha spazi, subito dopo viene la colazione.

Ha senso se non ci sono spazi,

ma un diario totale come lo fai?

Ascoltare e applicare,

respirare e guardare.

Il corpo non ha spazi, respira sempre, niente vuoto.

Oggi ho pensato al "poema diario",

oggi ho mangiato cereali al miele,

oggi la caffeina navigava nel brodo obscuro.

Il poema continua.

Tutti i poemi sono uno solo, uniti da cose sconosciute.

The End

0 comments about this poem Feed