Ecco gli Eterni Margini Annotati

Semplice carta
da riempire,
sequenza di foto
da leggere,
libero verso librato lungo labirinti.
Tu, giovane schermo della prima vita,
sei stato la sera aperta
oltre le verdi reti della modernità,
tra odori di paglia bruciata e note da ferramenta.
Nel centro della perfezione
sei stato il cuore del mio esistere,
mentre quieto camminava il 1980 e le sue storie.
Di quella via
ecco gli eterni margini annotati.

The End

0 comments about this poem Feed