Donna

Una poesia dedicata a una famosa attrice degli anni settanta.

Una sola linea di violoncello è il mio corpo
dipanato sul tuo volto: statua di carne e sguardo
tra i veli della pagoda.
Nel velluto di archi e volte,
i riflessi del rame e della candela
chiusi gli occhi in volo io vedo.
Da qui si snoda la coltre di armonie ramificata per le vie blu;
capelli di ferro estesi in ogni direzione dal mio centro.

The End

0 comments about this poem Feed