Carne e Voce

per Hakim Bey

Una cosa è la carne,
una cosa è la voce. Di me, qui,
solo la seconda.

Io sono qui pura voce
perché quello che sono altrove, la carne,
è collegata al Sistema al Sistema al Sistema (ovunque):

(CONTIENE TRATTATO)
Nel mio adipe affondano i condotti tubolari del Sistema,
nelle mie parole la storia che il Sistema ha decretato,
nei miei movimenti la materia coloniale del Sistema (ovunque
come disse Hakim Bey in TAZ prima ventina di pagine leggilo leggilo),
ma soprattutto: la mente che oggi ho è in ostaggio al Sistema,
e solo una parte di essa erra libera per gli spazi vittoriani del mio essere:

E nel mio essere trovi la voce (L'UNICA ZONA AUTONOMA)
fuori dall'ovunque. 

The End

0 comments about this poem Feed