Annotazioni Condite dal Weird

Lungo i fotogrammi della notte,
scolpito sul basalto, leggo: The World Of...

(Corpi trasparenti.)

Per natura amo gli inchiostri scuri,
anche se colorati.
Per natura amo le immagini lontane:
sono fatto io stesso di scorci che intravedo a distanza nella nebbia.

Mentre io ero, quanti erano? Come erano?
Erano in tanti, erano;
in troppi.
Annoto i vuoti prodotti dal giovane giunto qui
dal Grande Nord
e diretto
al Grande Sud.

Collezione di squisiti mostri de '73 e scariche di luce
mentre ascolto i programmi spaziali della Cina.

The End

0 comments about this poem Feed