Ballata della Somiglianza

Helen Marnie somiglia a qualcuno,
a qualcuno che ho visto spesso lungo queste vie.
Oggi sono in molti a somigliare a qualcuno,
mi viene da dire che tutti
somigliano a tutti;
li ritrovi appena fatto l'angolo
fotocopiati dall'istante prima.

(Ma non esplodi mai. Te li hanno fatti digerire.)

Anche Mira Aroyo somiglia a qualcuno,
hanno nomi e facce slave, per quanto inglesi.
Dentro la sacca si somigliano,
sono come i potenti li hanno voluti: campioni rappresentativi,
diversi fuori, uguali dentro, lontani fuori, dentro vicinissimi,
spalla contro spalla nella battaglia, s'incontrano con uno sguardo.

The End

0 comments about this poem Feed